Ancora fresco e instabilità al Centro-Sud: possibile cambio di registro dalla prossima settimana


analisi-meteo-a-500-hpa.11Ancora una volta siamo alle prese con gli effetti di una primavera un po’ anomala dal punto di vista meteo. Una perturbazione di origine Nord-Atlantica è riuscita a penetrare sin sul Mediterraneo andando a generare un nuova goccia fredda sui Balcani. Nei prossimi giorni la depressione nei Balcani continuerà a disturbare il tempo nelle regioni più orientali della penisola, inviando ad intermittenza impulsi instabili dall’Adriatico. E’ in atto adesso una breve pausa soleggiata su quasi tutta Italia,ma già nel pomeriggio il tempo dovrebbe nuovamente peggiorare in Adriatico e al sud per altre 24-36 h a causa di un altro impulso perturbato; già dalla serata nubi minacciose avanzeranno in cd “moto retrogrado” da Est verso Ovest ; il tempo peggiorerà prima su medio- adriatico e poi anche al sud-peninsulare . Tra domani venerdi’ 16 e sabato 17 maggio si avrà una recrudescenza delle precipitazioni sulle regioni menzionate. I fenomeni si concentreranno soprattutto nelle ore pomerdiane e saranno piuttosto insistenti nel medio – basso Adriatico e sulle aree appenniniche in genere. La ventilazione rimarrà abbastanza sostenuta da n/ne apportando nelle prossime ore un ulteriore calo termico, tant’è che le cime appenniniche centrali si tingeranno di nuovo di bianco. Sui monti di Basilicata, Pollino , e Sila potrà ficcare sino ai 1500 mt di quota. Nel fine settimana la depressione balcanica allenterà la presa , ma condizioni di debole variabilità rimarranno in circolazione sulla Penisola , non escluso qualche debole fenomeno su Alpi, Adriatiche, ed Appennino. Andrà meglio sul resto d’Italia. In tal frangente le temperature subiranno un lieve aumento.

Dalla prossima settimana potrebbe invece cambiare tutto. In base agli ultimi dati in nostro possesso si verrebbe a generare un diverso assetto barico a livello Europeo : il calo della pressione sull’ Europa Occidentale coadiuvato dall’uscita di scena del Vortice Balcanico potrebbe favorire finalmente la prima vera fiammata di caldo di questo scorcio di primavera 2014.

Leggi altri articoli: